Omeopatia per i denti dei bambini: efficacia e benefici

Le cure omeopatiche di terreno possono dare un grande aiuto alla prevenzione delle patologie orali nei bambini.

 

La mia è un’affermazione di tipo clinico, supportata da 25 anni di cure ai bambini, dalla conoscenza di medici omeopati con cui collaboro e dai tanti risultati positivi che ho potuto osservare nei miei pazienti.

 

Seguimi in questo articolo: cercherò di darti degli spunti di riflessione che poi dovrai approfondire leggendo, informandoti e sperimentando personalmente, dopo aver compreso i princìpi su cui si fonda la medicina omeopatica.

 

I benefici che queste cure apportano non sono limitati solo alla dentatura, ma a tutto lo sviluppo e alla corretta crescita del bambino.

 

Poiché l’argomento è abbastanza lungo e complesso, ritengo sia più utile – per i genitori che mi stanno leggendo – riassumere con un elenco i principali benefici dell’omeopatia per i denti dei bambini.

 

Una cura costituzionale del terreno del paziente pediatrico può apportare uno o più dei seguenti risultati, che sono, tra l’altro, anche strettamente correlati e influenzabili l’uno con l’altro:

 

  • favorire o ripristinare la corretta respirazione orale risolvendo problematiche di tipo otorinolaringoiatrico;
  • favorire lo sviluppo trasversale del palato;
  • accelerare o favorire l’eruzione dei denti da latte e facilitare la fase della permuta dalla dentatura da latte a quella definitiva;
  • favorire e migliorare la mineralizzazione dei denti rendendoli più resistenti alla carie;
  • rafforzare e migliorare anche l’aspetto emotivo del bambino rendendogli più facile affrontare le cure.

 

Primi dentini dei bambini: cosa può fare l’omeopatia

 

La comparsa dei primi dentini rappresenta, per alcuni bambini, un momento davvero critico.

 

Ecco alcuni dei sintomi più fastidiosi associati all’eruzione dentale in età infantile:

 

  • arrossamento da pannolino;
  • febbre;
  • reazioni intestinali con episodi di diarrea;
  • calo delle difese immunitarie e comparsa di rialzi febbrili e catarro a fronte di minimi stimoli (colpi d’aria);
  • irritabilità estrema del bambino: appare nervoso, inquieto, irascibile e insonne;
  • estrema lagnanza e dolore in bocca.

 

Come sempre, in omeopatia, la scelta del giusto rimedio dipende non tanto dal sintomo ma dal modo con cui il paziente manifesta quel sintomo, cioè il modo in cui reagisce.

 

A parità di dolore alla gengiva provocato da un canino da latte che fa fatica a erompere, un bambino diventerà irascibile al punto di lanciare, per esempio, i giocattoli addosso a uno dei genitori, un altro starà mogio a piagnucolare in un angolo e un terzo si ammalerà inspiegabilmente.

 

Pertanto, è compito del genitore, con attento spirito di osservazione, riferire i sintomi al medico omeopata, che potrà così individuare il rimedio più adatto a quel bambino in quel dato momento.

 

Quando il rimedio viene scelto correttamente, il suo effetto è sorprendentemente veloce ed evita anche terapie farmacologiche per la febbre, la diarrea o l’arrossamento (che non essendo la causa del problema ma solo la conseguenza di un problema che origina da tutt’altra parte, vanno lette e trattate senza applicare o assumere sostanze che “spengono” solo il sintomo senza curare la causa del problema stesso).

 

Rimedi omeopatici per curare i disturbi della dentizione

 

Posso qui solo elencare, a titolo esemplificativo, alcuni classici rimedi utili nella dentizione dei bambini con i loro sintomi più tipici, ma è bene che il genitore abbia un medico omeopata di riferimento con cui parlare prima di somministrare al bambino una terapia omeopatica.

 

  • Chamomilla: dolori improvvisi che il paziente avverte come insopportabili; migliorati da bevande fredde e dal movimento ondulatorio (il bambino è irascibile e vuole sempre stare in braccio).
  • Mercurius solubilis: in presenza di forte salivazione (scialorrea) e alito pesante, lingua impaniata, peggioramento notturno, gengive spugnose e/o sanguinanti.
  • Pulsatilla Pratensis: dolori violenti e migranti, aggravati dal caldo in qualsiasi forma; migliorati da bevande fredde e dallo stare all’aria aperta e dal movimento, bocca secca e assenza di sete.
  • Coffea cruda: dolori intollerabili migliorati momentaneamente da acqua gelata ma che rapidamente ritornano; agitazione e nervosismo.
  • Aconitum: dolore improvviso e lancinante, sensazione di puntura e forte agitazione.
  • Belladonna: dolori violenti e pulsanti, gengive rosse, aggravate da scosse e movimenti.

 

Dentizione bambini: perché intervenire con l’omeopatia

 

Se ti stai ancora chiedendo perché intervenire con l’omeopatia, il motivo è semplice: le cure omeopatiche affrontano la causa del problema senza sopprimere il sintomo di quel particolare momento, ma rafforzando il fisico e attivando l’energia vitale del paziente.

 

In questo modo, riuscirà a superare meglio quel determinato problema e, soprattutto, sarà meno predisposto a manifestarlo una seconda volta.

 

Questo principio, che è sempre valido per ogni paziente, risulta particolarmente utile ed efficace nei bambini: li aiuta a crescere in salute e robustezza.

 

Vieni a trovarci nel nostro studio con il tuo bambino: ti aiuteremo a trovare la soluzione più adatta al caso specifico, sia questo strettamente dentale (pedodonzia) oppure legato a cure complementari a quelle odontoiatriche, come omeopatia, osteopatia o logopedia.

Correlati

Ortodonzia nei bambini: a che età bisogna mettere l’apparecchio?

Come dice il famoso detto: “Bambini piccoli problemi piccoli, bambini grandi problemi grandi”.   In effetti, risolvere fin da subito evidenti criticità in età infantile – […]

Leggi di più

Cosa mangiare dopo l’impianto dentale: la dieta post-intervento

Anche se molto comune e praticato, l’impianto dentale è un’intervento chirurgico a tutti gli effetti: per questo bisogna sempre prestare la massima attenzione nella fase di […]

Leggi di più

011 433 54 50